Padova, genitori offendono un animatore in parrocchia: “Non è un buon esempio, è gay, che schifo!”

11 Gen 2017 Fabiano Minacci • Tempo di lettura: 1 minuto

gay-rainbow

In una parrocchia di Padova qualche settimana fa è apparso un volantino pieno di contenuti omofobi. Le offese sono rivolte ad un ragazzo gay che fa l’animatore per bambini in parrocchia e a scriverlo pare siano stati alcuni genitori.
Il testo del volantino fa venire i brividi:
“Che schifo un animatore omosessuale! Vuole animare i nostri figli quando lui stesso non è un buon esempio. Lavora in un negozio per abbigliamento gay, frequenta drag queen, tutte le sere d’estate va al Pride Village mostrandosi in atteggiamento promiscuo. Indossa abbigliamento con scritte discutibili e frequenta persone ignobili. I nostri bambini vedono tutto e lo prendono in giro. Non ha morale. Dove andremo a finire? Basta!”
Questo non è certo un caso isolato, qualche anno fa un mio amico catechista fu allontanato dal parroco dopo che i genitori dei ragazzini scoprirono della sua omosessualità e temevano che potesse influenzare negativamente i loro pargoli.
Onestamente a me pare inutile continuare a cercare l’approvazione di chi non ci vuole e non ci merita, smettiamola di essere masochisti fuori dalla camera da letto, ci sono tanti modi per trovare Dio, non è necessario farlo in chiesa.

Share this article

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e

Twitter!