Mamma Ho Perso L’Aereo: ecco perché sarebbe durato 15 minuti se ambientato nel 2017

26 Dic 2017 Fabiano Minacci • Tempo di lettura: 3 minuti

Ci sono pochi film cult-trash che resteranno per sempre nei nostri ricordi e fra questi (oltre Il Diavolo Veste Prada e la saga di Senti Chi Parla) ci sono senza dubbio Mamma Ho Perso L’Aereo ed il sequel Smarrito a New York che da oltre vent’anni sono un evergreen del Natale.

Film che se fossero stati girati al giorno d’oggi probabilmente non avrebbero avuto senso di esistere dato che, come spiega Travel & Leisure, Mamma Ho Perso L’Aereo sarebbe durato solo un quarto d’ora.
I motivi sono semplici e sono stati tradotti da DanInSeries, eccoli fedelmente riportati:

Prima di tutto oggi non ci sarebbe stato il problema della sveglia. Nel film, infatti, l’intera famiglia si alza in ritardo a causa di un guasto elettrico che rompe momentaneamente l’apparecchio, impedendogli di suonare. Nel 2017, però, tutti siamo forniti di un cellulare personale, con relativa sveglia annessa, a prova di guasti o ritardi. Se tutti avessero impostato il proprio dispositivo, senza dubbio i McCallister si sarebbero svegliati in tempo, senza rischiare di dimenticare Kevin.

Al giorno d’oggi, infatti, ormai tutti i biglietti aerei, con relativa carta d’imbarco, sono digitali. Di conseguenza, in aeroporto, qualche agente, lo stesso Peter McCallister, avrebbe fatto caso ad un biglietto in più.

Pur volendo far passare quest’altra distrazione, una volta saliti in aereo il personale avrebbe notato il posto vuoto di Kevin, essendo oggi tutti i sedili assegnati ad una persona specifica, con tanto di nominativo. Per di più, imbarcando il bagaglio, ci si accorgerebbe anche del fatto che la valigia del passeggero sia stata imbarcata, mentre il proprietario no.

Ammettendo anche, forzando la cosa, una distrazione di tutto il personale di terra e di bordo, la famiglia, oggi, riuscirebbe a contattare il bambino grazie al Wi-Fi disponibile in volo. O, in ogni caso, una volta giunti alla meta, sarebbe molto più semplice per la famiglia poter tornare indietro.

Una volta atterrati a Parigi, Miss McCallister tenta immediatamente di tornare a Chicago. Tuttavia, però, l’impiegato della compagnia aerea afferma di poterle trovare qualcosa in “standbye“. Oggi, il volo standbye è generalmente usato per indicare quando un passeggero manca il suo volo originale, e aspetta un posto sul’aereo successivo.

Infine, nel 2017 non ci sarebbe stato bisogno di viaggiare da Parigi, a Dallas a Scranton, per poi scoprire di non poter volare fino a Chicago a causa dell’assenza di aerei. Oggi, il personale potrebbe controllare immediatamente da Parigi la disponibilità dei posti e dei voli.

Quanto amo questo film.

BPE2X6 JOHN HEARD & CATHERINE O'HARA HOME ALONE 2: LOST IN NEW YORK (1992)

Share this article

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e

Twitter!